Tainted Love – dai Soft Cell a Marilyn Manson

L’iconico intro lascia pensare che Tainted Love non possa essere altro che un prodotto originale dell’era synthpop, frutto del genio avanguardista di un duo britannico degli anni ’80, ma nella realtà si tratta della cover di una b-side datata 1965.

La genesi soul

L’afro americana Gloria Jones è senza dubbio un prodigio. Trasferitasi a Los Angeles da Cincinnati, a sette anni impara a suonare il pianoforte e a quattordici fonda un coro gospel chiamato The Cogics. Un giorno viene notata da Hal Davis che la introduce nel mondo Motown come corista, anche se in un secondo momento si scoprirà un’ottima compositrice. Nel 1964 arriva la grande occasione: conosce Ed Cobb e con lui firma il contratto per il suo primo ep, nel lato A il singolo ‘My Bad Boy’s Coming Home‘ e nel lato B ‘Tainted Love‘. Ma lei, figlia di un pastore evangelico, trova la parola “tainted” volgare e lontana dal suo stile di “torch singer”, dedita a romanticizzare l’amore non corrisposto con il bel canto.

All’insaputa di Gloria, la canzone acquisisce popolarità nella scena underground. All’inizio degli anni ’70 viene suonata continuamente sia nei club americani che in quelli inglesi, dove era stata importata da un marinaio che aveva barattato il suo 45 giri per dei pacchetti di sigarette. È proprio durante una scorribanda notturna che il re del glam rock Marc Bolan, leader dei T.Rex, sente il brano. Così, quando i due si trovano a lavorare insieme, lui le chiede “sei QUELLA Gloria Jones?” e lei ne rimane stupita. Ne nascerà una bella collaborazione artistica e una tenera storia d’amore, stroncata tragicamente da un incidente automobilistico.

L’evoluzione dance

Alcuni anni dopo, i giovani continuano a scatenarsi in pista al ritmo di Tainted Love. Ne ha la riprova Marc Almond durante una serata revival al Warehouse Club di Leeds, dove lavora come guardarobiere. Nonostante i suoi Soft Cell avessero già ottenuto un contratto discografico, erano ancora poco conosciuti, mentre noto era il suo atteggiamento da primadonna che spesso sfociava in diverbi con le clienti del locale. Affascinato dalla traccia, Almond si precipita dal dj per scoprirne il titolo: da questo episodio fortuito nasce il terzo singolo della band, contenuto in Non Stop Erotic Cabaret, che li proietta verso un rapido successo internazionale.

Assieme al produttore Mike Thorne trasformano la pomposità dell’originale, fatta di trombe e cori femminili, in minimalismo new wave. Con l’utilizzo di un synclavier, di una drum-machine Roland e del semplice battito di mani, danno vita ad un sound più cupo, che sa portare alla luce l’insita disperazione del testo. Canta “once I ran to you, now I’ll run from you” rendendosi portavoce di tutti quei partner che si allontanano da una relazione inappagante, ma l’ascoltatore non potrà fare altro che ballarci su. Rihanna nel 2006 ha utilizzato un sample delle note iniziali di questa versione per la sua hit estiva S.O.S, dalla tematica ironicamente similare.

L’apocalisse goth

Nel 2001 Manson ne incide una versione per la colonna sonora di “Non è un’altra stupida commedia americana“. La sua riconoscibile voce metallica, realizzata con l’utilizzo del vocoder, è accompagnata da una chitarra estremamente distorta, martellante, come in ogni traccia industrial che si rispetti. Il suono si arricchisce andando a riempire i vuoti delle varianti precedenti. In tutta la sua tragicità, il Reverendo si rivela essere l’interprete migliore di questa canzone, peraltro del tutto conforme alla sua poetica. Memorabile (soprattutto per mia nonna) è il video decisamente sopra le righe, che va a nozze con lo spirito trash del film.

 

9 risposte

  1. Everything is very open with a clear explanation of the
    issues. It was really informative. Your website is
    very helpful. Thank you for sharing!

  2. kinodron.net ha detto:

    Great info. Lucky me I discovered your blog by chance (stumbleupon).

    I have book-marked it for later!

  3. Hello There. I found your blog using msn. This is a very well written article.
    I’ll make sure to bookmark it and come back to read more of
    your useful info. Thanks for the post. I’ll definitely return.

  4. Howdy! This is kind of off topic but I need some guidance from an established blog.
    Is it very hard to set up your own blog? I’m not very
    techincal but I can figure things out pretty quick.
    I’m thinking about setting up my own but I’m not sure where
    to begin. Do you have any points or suggestions?

    Thank you

  5. Hello there, just became aware of your blog through Google, and found that it is really informative.
    I’m gonna watch out for brussels. I will be grateful
    if you continue this in future. Numerous people will be benefited from your writing.
    Cheers!

  6. I always used to read article in news papers but now as I am a user of
    web therefore from now I am using net for content, thanks
    to web.

  7. I have read so many content regarding the blogger lovers except this piece of
    writing is genuinely a nice piece of writing, keep it up.

  8. Do you have a spam issue on this site; I also am a blogger, and I was curious about your situation; many of us have created some nice practices and we are looking to
    swap methods with other folks, please shoot me an e-mail if interested.

  9. Aw, this was a really nice post. Taking a few minutes and actual effort to generate
    a superb article… but what can I say… I hesitate
    a whole lot and don’t seem to get anything
    done.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *