Guida alle feste di Natale – come sopravvivere a pranzi e cenoni

Guida di Natale – Premessa

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (per gli amici OMS e per i friends WHO) la salute è:

“Uno stato di totale benessere fisico, mentale e sociale e non semplice assenza di malattie o infermità”.

Oggi digiuno? No, grazie!

Se abitualmente segui uno stile di vita tutto sommato sano, non sarà una settimana di eccesso a rovinarti. Se restringi o, addirittura, digiuni prima dei cenoni (o dei pranzoni), innanzitutto ti immetti in un tunnel d’ansia che, nella migliore delle ipotesi, ti farà mangiare di più già nei giorni precedenti. Ma soprattutto, nel momento in cui ti darai il via libera di fronte alla tavola imbandita, il tuo corpo non si adatterà facilmente e tenderà a gonfiarsi di più a causa di una maggiore ritenzione dei liquidi. A tal proposito, facciamo tutti un corale “ohm” e resistiamo alla tentazione di pesarci il giorno dopo.
Detto con molto tatto, quel numero non avrà senso!

Se vivi le grandi mangiate con consapevolezza, lungi dalla necessità di sfogare così un turbine emotivo, perché poi dovresti colpevolizzarti e punirti nel periodo successivo? Se, al contrario, vivi in un rapporto travagliato col cibo e sei vittima della cultura della dieta, non sarà una lista di consigli trovata su Internet ad aiutarti.

Per una volta evita chiunque utilizzi le parole “detox” e “in soli *inserire lasso di tempo incredibilmente breve*”, soprattutto nella stessa frase, e rivolgiti a un professionista qualificato che ti aiuti a trovare un equilibrio 365 giorni l’anno.

Source: foodiesfeed.com

I 10 comandamenti della Dottoressa Natale:

  1. Non è una gara a chi ripulisce il piatto per primo. Mangia con calma, a piccoli bocconi e non farti ingannare dal senso di sazietà che è sempre in ritardo di almeno 20 minuti (‘sto maleducato!).
  2. Ok che l’ego umano è smisurato, ma non così tanto da dover cucinare il doppio della roba “che non sia mai che non basti”. So che è dura da accettare nonne, ma sappiamo che ci volete bene anche se non ci servite il secondo piatto di pasta.
  3. Non siamo nemmeno così sciupati da richiedere l’intervento della task force di salumi e formaggi di rinforzo alle portate principali.
  4. È avanzato qualcosa? Innanzitutto, tatuatelo in fronte per poterlo ricordare la prossima volta che vai contro il punto 2. Dopodiché, smercia più che puoi gli avanzi tra gli invitati, manco fossi lo spacciatore del parchino de paese.
  5. I giorni seguenti anziché immolarti alla causa del più o meno realistico “mangio solo un’insalata”, consuma pasti leggeri, ricchi di cereali integrali, legumi e verdure, che saranno sicuramente sacrificate nei giorni di festa e occhio, che sono permalose.
  6. L’acqua: non solo quella Santa della messa del 25. Cerca di mantenere un buon livello di idratazione bevendo molta acqua. Se d’inverno senti meno lo stimolo della sete, sfrutta thé e tisane caldi, magari a base di liquirizia, anice, cumino, finocchio e zenzero, che favoriscono la digestione, ma senza illuderti (non funzionano come il Mister Muscolo che stura anche il traforo del Monte Bianco). E  no, gli alcolici e le bibite gassate o zuccherate non idratano, al contrario!
  7. Per condire evita di svaligiare le saline di Cervia. Come? Parti da una materia prima di qualità, approfitta delle spezie ed erbe aromatiche di cui siamo fortunati tesorieri, evita i grassi animali, ma usa (non abusa eh) l’olio extravergine d’oliva.
  8. La frutta a fine pasto non ingrassa, a meno che non ti attacchi al cesto di mandarini mentre giochi a carte o altro gioco da tavolo che rovina le amicizie. Invece, quella secca (noci, nocciole, mandorle, pistacchi ecc.) farebbe anche bene, ma se te ne mangi tutta in una volta una quantità pari alla somma annuale della dose giornaliera consigliata…Beh, vedi un po’ te!
  9. Né lo spostamento dal tavolo al divano, né il sollevamento del nipotino, né lo sforzo psicofisico necessario a sopportare le domande asfissianti dei parenti sono da contare come attività fisica. È bello stare in panciolle sul divano davanti al caminetto, ma starci dopo una lunga camminata è molto più appagante.
  10. I giorni di festa si chiamano così perché bisogna festeggiare! Non sono fatti per contare le calorie, per sentirsi in colpa, per restringere prima/durante/dopo. Goditi i momenti, la compagnia e le cose che ti piacciono (cibo o non cibo).

Ora che ti ho confuso ancora di più le idee, non mi resta che augurarti Buone Feste, ma prima in alto i calici e… ALLA SALUTE!

 

16 risposte

  1. LarryTed ha detto:

    Researching for an inexpensive best essay creating assistance to accomplish your papers | We have now top-notch high quality essay writers within our staff.

  2. g look ha detto:

    I don’t even know how I ended up here, but I thought this
    post was good. I do not know who you are but definitely you’re going to a famous blogger if you are not
    already 😉 Cheers!

  3. g very ha detto:

    Hi there! I just wish to offer you a huge thumbs up
    for the excellent information you have right here on this post.
    I will be coming back to your site for more soon.

  4. thing g ha detto:

    This piece of writing will help the internet viewers for building up new
    web site or even a blog from start to end.

  5. make g ha detto:

    It’s appropriate time to make some plans for the long run and it is time to be happy.
    I’ve read this put up and if I may I want to suggest you some fascinating issues or advice.
    Perhaps you could write subsequent articles regarding this article.

    I wish to read even more things about it!

  6. g him ha detto:

    Hi there! This post couldn’t be written any better! Reading through this post reminds me of my previous room mate!
    He always kept chatting about this. I will forward this write-up to him.
    Fairly certain he will have a good read. Many
    thanks for sharing!

  7. not g ha detto:

    Thank you a bunch for sharing this with all of us you actually know
    what you’re speaking approximately! Bookmarked.

    Please additionally visit my web site =). We can have a link alternate contract
    among us

  8. thing g ha detto:

    Hi there this is somewhat of off topic but I was wanting to
    know if blogs use WYSIWYG editors or if you have
    to manually code with HTML. I’m starting a blog soon but have no coding skills so I wanted to get advice from someone with experience.

    Any help would be greatly appreciated!

  9. g how ha detto:

    I am really inspired with your writing skills and also with the layout to your weblog.
    Is this a paid theme or did you modify it your self? Either way keep up the excellent
    quality writing, it is rare to look a great blog like this one these days..

  10. two g ha detto:

    It’s going to be end of mine day, but before ending I am reading this enormous post to improve my know-how.

  11. here g ha detto:

    Good post however I was wanting to know if you could write a litte more on this topic?
    I’d be very grateful if you could elaborate a
    little bit more. Kudos!

  12. Great article! This is the type of information that should be shared around
    the web. Shame on the seek engines for not positioning
    this post upper! Come on over and discuss with my website .
    Thank you =)

  13. If some one needs to be updated with latest technologies therefore he must be visit this site and be up to date all the time.

  14. Hi would you mind sharing which blog platform you’re using?
    I’m going to start my own blog in the near future but I’m having a hard time making a decision between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal.

    The reason I ask is because your design and style seems different then most blogs and I’m
    looking for something completely unique.
    P.S Apologies for getting off-topic but I had to ask!

  15. I’m not that much of a online reader to be honest but your blogs really nice, keep it
    up! I’ll go ahead and bookmark your site to come back later on. All the best

  16. Hi, I check your new stuff on a regular basis.
    Your story-telling style is witty, keep up the good work!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *